0
Sano Stile di Vita Cerca nel sito:
Decalogo Osservatorio Informazione e Ricerca
Interventi: Alimentazione Attivitá Fisica

Convegno Federsalus Materiali Convegno

Stampa Eventi



Categoria: Osservatorio. Inserito Ven 04 Ott 2013

I probiotici: “batteri” dai numerosi benefici per la salute

Numerose ricerche ne svelano le proprietą preventive delle patologie gastrointestinali. Uno studio pubblicato sulla rivista Pediatrics ne analizza i benefici nella prevenzione di allergie e asma nei bambini

Il ruolo dei probiotici nella prevenzione e nel trattamento di alcune patologie gastrointestinali, in particolare la diarrea associata ad uso di antibiotici o ad infezioni virali, è ben noto e dimostrato da numerosi studi scientifici. Altri lavori hanno evidenziato gli effetti immunologici di questi microrganismi che consentono di prevenire alcune infezioni come nel caso dell’Helicobacter pylori.

Sono allo studio le possibili funzione di abbassamento del colesterolo e della pressione sanguigna, l’attività anticancerogena e antiossidante e sul controllo del peso
Meno noti gli effetti dei probiotici nella prevenzione delle allergie e dell’asma nei bambini, argomento che ha attirato l’attenzione di alcuni ricercatori delle Università di Miami, Iowa e Pittsburgh e del South Florida Asthma Consortium.
La loro meta-analisi su 25 studi clinici svolti tra il 2001 e il 2012 per valutare gli effetti dei probiotici sulla prevenzione di allergie e asma nei bambini è stata pubblicata sul numero di agosto della rivista scientifica Pediatrics [1].
Nella meta-analisi sono stati analizzati i risultati ottenuti da diversi tipi di studi. In alcuni studi i probiotici sono stati assunti dalle donne durante il periodo  della gravidanza, in altri studi sono stati assunti sia dalle madri durante la gravidanza che dal neonato dopo la nascita, in altri studi sono stati assunti solo dal neonato dopo la nascita.
I risultati dimostrano che l’assunzione di probiotici durante la gravidanza diminuisce del 12-14% il rischio di allergie comuni nei bambini, da quella ai pollini a quella alle arachidi, asma esclusa. L'effetto protettore è maggiore se la somministrazione si mantiene nel tempo, con l’assunzione di probiotici dalla madre durante la gravidanza e dal neonato dopo la nascita. 
Gli studi clinici hanno analizzato gli effetti di differenti ceppi di probiotici evidenziando inoltre che il Lactobacillus acidophilus, al contrario di altri ceppi, sembra essere associato ad un maggior rischio di allergie. 
 
Diete povere di fibre e sempre maggiore esposizione a sostanze tossiche per la flora batterica, come antibiotici e conservanti alimentari, hanno determinato un aumento della frequenza di patologie correlate all’alterazione della flora batterica intestinale, che non interessano più solo direttamente l’intestino, ma anche lo stomaco, l’apparato genitourinario (specie nella donna), il sistema immunitario e forse anche l’obesità ed alcune neoplasie – ha osservato il Dott. Arrigo Francesco Giuseppe Cicero, farmacologo dell’Università di Bologna che collabora con l’attività scientifica di Federsalus – L’impiego di probiotici specifici o l’abitudine ad una alimentazione equilibrata sempre più frequentemente dimostrano di bilanciare i disagi ed i rischi per la salute correlati alle alterazioni della flora intestinale. Lo studio pubblicato sulla rivista Pediatrics mostra chiaramente come l’esposizione precoce, sin dal grembo della madre e dalla primissima infanzia a specifici ceppi di probiotici può portare ad una protezione dell’incidenza di allergie non asmatiformi. Un’opzione preventiva di particolare interesse, specie per le madri con predisposizione genetica a sviluppare alcune reazioni anafilattiche, per le quali presumibilmente l’efficacia potrebbe essere ancora maggiore – ha concluso Cicero - Il fatto che non tutti i ceppi condividano la stessa efficacia di impiego deve spingere i professionisti a prendere coscienza delle differenti potenzialità dei prodotti in commercio”.¯
 

Lo studio appena pubblicato fornisce una visione più ampia delle proprietà salutistiche dei probiotici ed offre nuovi spunti per la ricerca scientifica sulla cui base avviare ulteriori studi necessari ad approfondire quali siano i ceppi migliori e le quantità da utilizzare per eventuali trattamenti, al fine di trarre il maggior beneficio dal loro utilizzo.



[1] Fonte: Pediatrics, Official Journal of the American academy of Pediatrics,
Probiotic Administration in Early Life, Atopy, and Asthma: A Meta-analysis of Clinical Trials http://pediatrics.aappublications.org/content/early/2013/08/13/peds.2013-0246.full.pdf