0
Sano Stile di Vita Cerca nel sito:
Decalogo Osservatorio Informazione e Ricerca
Interventi: Alimentazione Attivitá Fisica

Convegno Federsalus Materiali Convegno

Stampa Eventi



Categoria: Stampa. Inserito Mar 21 Set 2010

Ristoranti Usa: meno calorie senza rinunciare al gusto

Il contenuto energetico degli alimenti, in particolare quando i pasti vengono consumati fuori casa, riveste ovviamente un ruolo fondamentale nella comparsa o meno di chili in eccesso

 

Il contenuto energetico degli alimenti, in particolare quando i pasti vengono consumati fuori casa, riveste ovviamente un ruolo fondamentale nella comparsa o meno di chili in eccesso. Tra gli attori di primo piano nella preparazione dei cibi e del loro contenuto calorico ci sono i cuochi, categoria professionale che raramente è stata oggetto di ricerche di carattere scientifico. Interessante allora questo studio, condotto da Julie Obbagy e collaboratori del dipartimento di Scienze nutrizionali dell'università statale della Pennsylvania, e pubblicato sulla rivista Obesity, basato sulle interviste rilasciate da 432 chef statunitensi, partecipanti a incontri finalizzati alla messa a punto di strategie per creare piatti a basso contenuto calorico da inserire nei menu dei ristoranti. Il 93% del campione, costituito nella maggior parte dei casi da professionisti con almeno vent'anni di esperienza nel settore culinario, ritiene che si possa ridurre del 10-15% il carico calorico dei piatti senza che i commensali se ne accorgano, intervenendo sui componenti piuttosto che diminuendo le porzioni. Le difficoltà nel raggiungere questo obiettivo, secondo gli intervistati, sono lo scarso interesse dei consumatori nei confronti di piatti con poche calorie (38%), le reali capacità di chi prepara i piatti (24%) e il costo elevato degli ingredienti (18%). Il 71% del campione sostiene che il sapore del cibo cucinato è il fattore che influenza maggiormente il successo del piatto servito. Nel complesso, la ricerca dimostra che portare in tavola alimenti con meno calorie è possibile; i cuochi, peraltro, vorrebbero una maggiore collaborazione con chi si occupa della salute pubblica per garantire che sia ampliata la disponibilità nei ristoranti di cibi meno calorici ma sempre invitanti.