0
Sano Stile di Vita Cerca nel sito:
Decalogo Osservatorio Informazione e Ricerca
Interventi: Alimentazione Attivitá Fisica

Convegno Federsalus Materiali Convegno

Stampa Eventi



Categoria: Stampa. Inserito Ven 14 Mag 2010

Croce Rossa Italiana contro l'ipertensione - Volontari in 150 piazze per spiegare rischio silenzioso

Stress e troppo sale rovinano la salute degli italiani: l' ipertensione, malattia senza sintomi,in un caso su 4 non e' percepita da chi ne soffre. Parte la campagna della Croce Rossa Italiana in 150 piazze che arrivera' martedi' 18 anche a Montecitorio. I parlamentari si sottoporranno ad un esame della pressione e al controllo del girovita, indicatori principe per capire il rischio di una pressione troppo alta.

 

 
(ANSA) - Stress e troppo sale rovinano la salute degli italiani: l' ipertensione, malattia senza sintomi,in un caso su 4 non e' percepita da chi ne soffre. Parte la campagna della Croce Rossa Italiana in 150 piazze che arrivera' martedi' 18 anche a Montecitorio. I parlamentari si sottoporranno ad un esame della pressione e al controllo del girovita, indicatori principe per capire il rischio di una pressione troppo alta. Sarà distribuito anche un decalogo sulla buona alimentazione: consumare tre pasti e due spuntini al giorno, con colazione ricca al mattino, pranzo abbondante a mezzogiorno e cena leggera alla sera, facendo attenzione a non salare troppo le pietanze e a non consumare troppi zuccheri e grassi animali saturi. L' iniziativa, portata avanti insieme alla Societa' Italiana contro l' Ipertensione Arteriosa, serve a prevenire le conseguenze e i danni provocati da questa malattia, alla vigilia della giornata mondiale contro prevista per il 17 maggio. '' Fino ad oggi si e' sempre parlato dei danni che l' ipertensione arteriosa provoca agli organi bersaglio - ha spiegato durante l' incontro Giuliano Da Villa, commissario straordinario nazionale della Cri - come cuore, cervello, retina e reni. Mentre oggi il tema e' la prevenzione, perche' pensiamo che curando l' alimentazione la gente possa stare meglio''. Oltre il 50% delle ipertensioni arteriose sono provocate dalla sedentarieta', dallo stress emotivo domestico e sul luogo di lavoro, e dalla sindrome metabolica, vera e propria patologia legata in gran parte a comportamenti alimentari scorretti. Per questo l' esperto ha ricordato che '' usare gli alimenti come farmaci'', unitamente allo sport, evita ''l' insorgere e il decorrere di certe patologie silenziose che possono ad un certo punto esplodere, quando ormai non e' piu' possibile porvi riparo''. I volontari della Cri, infine, oltre a distribuire l' opuscolo ' Cibo e salute', inviteranno i cittadini a compilare una pagella del rischio metabolico.